+39 349 671 9285 [email protected] Ricevo in zona Roma Sud - EUR

``Non c’è amore più sincero di quello per il cibo``


(George Bernard Shaw)

I MIEI PAZIENTI

DICONO DI ME

Nelly

Ho perso 8kg in tre mesi seguendo una dieta alimentare molto equilibrata e varia ma, soprattutto, semplice da gestire.

70 anni

Michael

Ho perso 21kg in quattro mesi e mezzo. Con l’aiuto di Claudia sono riuscito a rimediare a una situazione di sovrappeso piuttosto marcata, che cominciava a darmi anche problemi di schiena. Il programma propostomi non ha avuto impatto traumatico sulle mie abitudini, rivedendo le quantità di alcuni alimenti, eliminandone qualcuno meno sano e aggiungendo pesce, legumi e cereali, di cui non facevo molto uso. L’inserimento di appositi spuntini a metà giornata ha fatto sì che potessi portare avanti la dieta senza soffrire mai i morsi della fame e, a distanza di qualche mese, ho percepito i visibili passi in avanti, che mi hanno permesso di guadagnarne anche in salute.

28 anni

Tania

Sono Tania e sono la mamma di una ragazza di 12 anni. Mi sono rivolta alla Dott.ssa Onori per riequilibrare l’alimentazione di mia figlia. Non potevo fare scelta migliore, soprattutto per l’età delicata che ha mia figlia! La Dott.ssa ha saputo con molta professionalità togliere dalla testa di mia figlia l’idea della dieta, sostituendola con delle vere e proprie lezioni di educazione alimentare che sono servite per tutta la famiglia. Utilizzando l’espediente del “gioco”, è riuscita ad inserire nel suo percorso degli alimenti che prima di allora non aveva mai mangiato, ottenendo veramente degli ottimi risultati.

mamma di una ragazza di 12 anni

Martina

Ho perso 28 kg in 7 mesi grazie alla dieta e ai consigli della Dott.ssa Onori. È stata la prima volta che ho deciso di fare una dieta, dopo anni di pasti in orari scombinati e senza una regola. È stato semplice seguirla: non mi sembrava di dover fare sacrifici. Sto proseguendo con il mantenimento da 11 mesi e ad oggi sono molto soddisfatta perché ho imparato a mangiare bene e non ho ripreso peso!

30 anni

LASCIATI ISPIRARE

ARTICOLI E RICETTE

RICHIEDI ORA UNA CONSULENZA

INIZIA DA OGGI!

RICHIEDI ORA UNA CONSULENZA

INIZIA DA OGGI!
Telefono

Telefono

(+39) 349 671 9285

Indirizzo

Indirizzo

Ricevo in zona
Roma Sud - EUR

Contatti

Per qualsiasi informazione o per prenotare un appuntamento utilizza uno dei contatti qui sopra oppure il modulo sottostante.

    Accetto la Privacy Policy di InizioDaOggi
    TELEFONO

    TELEFONO

    (+39) 349 671 9285

    Indirizzo

    Indirizzo

    Via A. Zanetta 60/62 c/o FisioReD - 00143 - Roma

    PRENOTA ORA IL TUO APPUNTAMENTO

    Per qualsiasi informazione o per prenotare un appuntamento utilizza uno dei contatti qui sopra oppure il modulo sottostante.

      Accetto la Privacy Policy di InizioDaOggi
      Questa è una delle domande che vengono poste più spesso. Spesso alle mamme vengono date indicazioni e limitazioni sull'alimentazione in caso di coliche del neonato. Vengono spesso eliminati broccoli, legumi, asparagi....tutti alimenti che si è vero, fanno fare aria forse....ma alla mamma!!Infatti la fibra e i FOS dei legumi, i prebiotici di asparagi e cipolla, o la fibra dei broccoli, vengono digeriti (o non digeriti) nell'intestino materno, ma questo non ha nulla a che vedere con l'aria nel pancino del bambino!Attenzione a questo tipo di indicazione totalmente aspecifica perchè può creare 2 problemi: 1) La dieta della mamma può diventare carente di sostanze e alimenti invece importantissimi, per lei e per il neonato.2) Il problema "coliche" del neonato non viene risolto, perchè si è "mirato e sparato" nella direzione sbagliata.Attenzione dunque, ai falsi miti. 🥑📌#𝐒𝐅𝐀𝐓𝐈𝐀𝐌𝐎𝐔𝐍𝐌𝐈𝐓𝐎 𝗗𝘂𝗿𝗮𝗻𝘁𝗲 𝗹'𝗮𝗹𝗹𝗮𝘁𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗮𝗹 𝘀𝗲𝗻𝗼 𝗹𝗮 𝗠𝗮𝗺𝗺𝗮 𝗽𝘂𝗼' 𝗺𝗮𝗻𝗴𝗶𝗮𝗿𝗲 𝗱𝗶 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗼. 𝗡𝗼𝗻 𝗲𝘀𝗶𝘀𝘁𝗼𝗻𝗼 𝗰𝗶𝗯𝗶 𝗰𝗵𝗲 "𝗳𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘃𝗲𝗻𝗶𝗿𝗲 𝗹𝗲 𝗰𝗼𝗹𝗶𝗰𝗵𝗲"! 🤯Si, hai capito bene!Tutto. Si,si.. anche quel cibo etnico pieno di spezie che ti piace tanto.Aromi mediterranei come aglio, cipolla ed altro non sono banditi. Carciofi, asparagi, cavolfiori, legumi.. sono benvenuti.Li hai mangiati in gravidanza?Puoi continuare a mangiarli anche dopo! Non esistono “cibi che fanno venire le coliche”, o che “fanno male al bambino”. Tuo figlio conosce già quei sapori, perché li ha assaggiati durante tutti i 9 mesi nel tuo pancione attraverso il liquido amniotico.Lo sapevi? 👉🏻Non ci sono raccomandazioni su un alimento da non consumare durante l’allattamento, l’unica eccezione è rappresentata dal latte vaccino ed i suoi derivati e dall’eccesso di qualsiasi alimento in generale. ⚠𝗣𝗲𝗿𝗰𝗵𝗲' 𝗳𝗮𝗿𝗲 𝗮𝘁𝘁𝗲𝗻𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗮𝗹 𝗹𝗮𝘁𝘁𝗲 𝘃𝗮𝗰𝗰𝗶𝗻𝗼? Perché un carico giornaliero eccessivo di latte vaccino e derivati provoca il passaggio di molecole proteiche nel latte materno, che sono poco o nulla digeribili dal neonato, e possono portare ad intolleranza alle proteine del latte vaccino.🍶Quello si che gli darebbe disagi!Ma per fortuna tendono a passare nel tempo in molti casi.📎𝗜𝗻 𝗰𝗼𝗻𝗰𝗹𝘂𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲:cara mamma che allatti, 𝗠𝗮𝗻𝗴𝗶𝗮 𝘂𝗻 𝗽𝗼 𝗱𝗶 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗼 𝘀𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲𝘀𝗮𝗴𝗲𝗿𝗮𝗿𝗲, stai attenta alla qualità ed alla conservazione degli alimenti e pensa a questo:Se tu mangerai tutto, quando sarà il momento di iniziare l’alimentazione complementare (dopo i sei mesi) il tuo bimbo conoscerà già tutti sapori di cui si è nutrito insieme a te!👩‍⚕ Pediatra Arianna De Martino 🖊 Desirè Nica ... LeggiMeno
      Apri su Facebook
      Mamme , ve lo siete mai chieste?Missione Genitori: Professionisti per la tua famigliaCaro Genitore,Devi sapere che durante il primo anno di vita del bambino a rispondere prevalentemente è il suo cervello primitivo, il cervello rettiliano.👉🏻 Durante i primi nove mesi di vita il neonato vive un periodo chiamato "Esogestazione" cioè la percezione e la convinzione di essere un tutt’uno con la mamma.Questo perché nell’arco di tutta la sua vita, ovvero i nove mesi precedenti, così è stato. Pensiamoci. Quando viene al mondo non ha la capacità di comprendere di essere separato dalla mamma: ci vorrà un tempo prima che questo accada, lungo appunto circa nove mesi durante i quali piano piano le sue cellule neuronali inizieranno a maturare, ed inizierà ad avere delle conquiste personali, come ad esempio quella di muoversi in autonomia. 📌 𝗔 𝗱𝗶𝗳𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗱𝗲𝗴𝗹𝗶 𝗮𝗹𝘁𝗿𝗶 𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗶 𝗮𝗻𝗶𝗺𝗮𝗹𝗶, 𝗹’𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗲 𝘂𝗺𝗮𝗻𝗼 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗹𝗲𝘁𝗮 𝗹𝗮 𝘀𝘂𝗮 𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗮𝗹 𝗽𝘂𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝘃𝗶𝘀𝘁𝗮 𝗻𝗲𝘂𝗿𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲, 𝗳𝗶𝘀𝗶𝗰𝗼 𝗲 𝗹𝗶𝗻𝗴𝘂𝗶𝘀𝘁𝗶𝗰𝗼 𝗗𝗢𝗣𝗢 𝗶 𝘁𝗿𝗲 𝗮𝗻𝗻𝗶 𝗱𝗶 𝘃𝗶𝘁𝗮.Per cui dal punto di vista fisiologico un bambino che si sente in un ambiente diverso rispetto a quello intrauterino, metterà in atto una serie di comportamenti per assicurarsi di essere in un luogo sicuro.Cosa succede la notte? 🌛🌃La notte c’è silenzio.Buio.Una condizione completamente diversa e che a lui fa paura.È questo il momento in cui ha più necessità dei genitori.Si è vero, il bambino è al sicuro. Ma lui non lo sa!Non sa che vive in città, nel 2021,lontano dal pericolo. 𝗣𝗲𝗿 𝗾𝘂𝗮𝗻𝘁𝗼 𝗻𝗲 𝘀𝗮 𝗹𝘂𝗶 𝗽𝗼𝘁𝗿𝗲𝗯𝗯𝗲 𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗲 𝗶𝗻 𝘂𝗻𝗮 𝗚𝗶𝘂𝗻𝗴𝗹𝗮, 𝗲 𝘂𝗻 𝗽𝗿𝗲𝗱𝗮𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗽𝗼𝘁𝗿𝗲𝗯𝗯𝗲 𝗮𝗿𝗿𝗶𝘃𝗮𝗿𝗲 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗮𝗹𝘂𝗻𝗾𝘂𝗲 𝗺𝗼𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼.Ed ecco che per istinto di sopravvivenza ricerca il contatto, la vicinanza e l’odore per capire di essere al sicuro, e piange per attivare il genitore e ricevere rassicurazione. ❓❓Esistono delle eccezioni? Bambini che dormono subito da soli❓❓Si, se è qualche cosa che viene spontaneamente e naturalmente nel bambino. ⚠Quando invece si utilizzano delle metodologie per abituare prima dei tre anni il bambino a gestire i risvegli da solo ( ad esempio facendolo piangere ed imparando ad autoconsolarsi), bisogna fare un po’ di attenzione.Se io piango e il genitore arriva, io mi sento al sicuro.Se non arriva, e sento di essere solo in una situazione di pericolo in qualche modo devo tutelare la mia sopravvivenza. Perché se sento che non c’è nessuno, se piango può arrivare un predatore, allora io imparo a stare in silenzio.Questa è la spiegazione a questo dubbio che attanaglia tantissimi genitori:La vita vuole vivere! I bambini vogliono vivere! Per cui cercano di attivare dei fattori protettivi per la loro sopravvivenza.Poi ovviamente esistono le eccezioni, in cui bambini che nascono e dormono costantemente, sono perfetti e non esprimono i loro bisogni...Ma perfetti per chi? 😉👩‍⚕️Professionista: La fabbrica delle parole - Psicologa e Psicoterapeuta Ingrid Monteiro✏️Copy Desirè Nica ... LeggiMeno
      Apri su Facebook
      Ad ognuno le sue competenze. E no, non sono sempre mediche . Esistono infatti molti motivi per rivolgersi ad un'ostetrica. Ad esempio difficoltà nell' allattamento, problemi con il pavimento pelvico e molto altro. Se avete curiosità a riguardo fate le vostre domande sul gruppo Missione Genitori: Professionisti per la tua famiglia o seguiteci sulla pagina Missione Genitori: Professionisti per la tua famigliaNella foto MAMMA LUNA-ostetrica Roberta Nonni ❤𝘿𝙊𝙏𝙏. 𝙎𝙎𝘼 𝙍𝙊𝘽𝙀𝙍𝙏𝘼 𝙉𝙊𝙉𝙉𝙄🌺𝙊𝙨𝙩𝙚𝙩𝙧𝙞𝙘𝙖 Ciao sono Roberta!Sono un'ostetrica. Il mio percorso non è nato dopo il liceo, ma quando ero un po più grande... Precisamente dopo aver avuto il mio primo figlio.Di quella gravidanza, di quel parto e post parto non ho un bel ricordo, ma sono stati la svolta x farmi dire "io sarò ostetrica e darò alle donne tutto quello che è mancato a me".Dpero di esserci riuscita e mi impegno ogni giorno per riuscirci.Mi occupo in autonomia delle donne a 360 gradi: 🌺 Dal menarca alla menopausa 🌺 Gravidanza🌺 Allattamento🌺 Baby Massage 🌺 Svezzamento 🌺 Disostruzione pediatrica Il mio punto di forza è la rieducazione del pavimento pelvico.Provo a riportare serenità e dignità alle donne con perdite urinarie o dolore vaginale. (Incontinenza, dispareunia, vulvodinia)Adoro il mio lavoro...e le donne sono la mia forza!"𝙄𝙡 𝙨𝙤𝙡𝙚 𝙨𝙞 𝙖𝙡𝙯𝙖 𝙛𝙤𝙧𝙨𝙚 𝙙𝙞 𝙘𝙤𝙡𝙥𝙤 ?𝙏𝙧𝙖 𝙞𝙡 𝙜𝙞𝙤𝙧𝙣𝙤 𝙚 𝙡𝙖 𝙣𝙤𝙩𝙩𝙚 𝙣𝙤𝙣 𝙞𝙣𝙙𝙪𝙜𝙞𝙖 𝙛𝙤𝙧𝙨𝙚 𝙡’𝙖𝙡𝙗𝙖 𝙞𝙣𝙘𝙚𝙧𝙩𝙖, 𝙚 𝙡𝙖 𝙡𝙚𝙣𝙩𝙖, 𝙢𝙖𝙚𝙨𝙩𝙤𝙨𝙖 𝙜𝙡𝙤𝙧𝙞𝙖 𝙙𝙚𝙡𝙡’𝙖𝙪𝙧𝙤𝙧𝙖 ?𝙇𝙖𝙨𝙘𝙞𝙖𝙩𝙚 𝙖𝙡𝙡𝙖 𝙣𝙖𝙨𝙘𝙞𝙩𝙖 𝙡𝙖 𝙨𝙪𝙖 𝙡𝙚𝙣𝙩𝙚𝙯𝙯𝙖 𝙚 𝙡𝙖 𝙨𝙪𝙖 𝙜𝙧𝙖𝙫𝙞𝙩𝙖̀."𝙇𝙚𝙗𝙤𝙮𝙚𝙧 ... LeggiMeno
      Apri su Facebook